Cane imbrattato di verde e in lacrime: “Avvelenato dalla vernice”. La denuncia social: “È totalmente disumano”

Da Discover su Google https://www.repubblica.it/le-storie/2019/11/13/news/cane_imbrattato_di_verde_in_lacrime_la_denuncia_social_perche_trattare_cosi_una_creatura_innocente_-241017985/

Conosciamoli questi “fratelli in un Dio”, apprendiamo dalle loro azioni – perché solo dall’agire si afferma l’individuo e non dalla retorica – quanto sono potenziali obiettivi di carità e perdòno, o inversamente, quanto meritino l’etica enucleazione dalla vista – pur distali e fuori della porta ideale. Enti laici ma soprattutto religiosi, incentrano la loro missione predicatoria sull’assoluzione ecumenica,cioè indistinta tra coloro che hanno commesso “peccati veniali e mortali”,facendo un coacervo intrugliato dove non si capisce il significato della buona coscienza colla demarcazione della cattiva coscienza che comunque non ha sanzione. Il sole splende su tutti ma non tutti dovrebbero ritenere che il sole li risplende,nonostante le loro malefatte. Il caso del povero cane – ripreso da Repubblica testata news – è uno dei tanti casi che fanno sentire un umano disgregato da una parte (una gran parte,purtroppo) di consimili per  la crudeltà e la infamità che in quella parte, si annida e con la quale si vuole sentire dissociato;non per casta,non per condizione sociale o culturale ma per fetore. Altro che comunità fraterna!

8 pensieri riguardo “Cane imbrattato di verde e in lacrime: “Avvelenato dalla vernice”. La denuncia social: “È totalmente disumano”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...