LA CACCIATA DAL BORDELLO

ENRICO MONTESANO artista

Si sa, fare riferimenti all’era fascista è considerato un reato. Reato per chi e cosa? Per lo Stato che è vigente, per la Costituzione che ne elenca le regole. La storia del ventennio in cui governò Benito Mussolini è abbastanza nota a tutti,dalla “marcia su Roma” a seguire.

I rilievi che si possono fare senza pendere né da una parte né dall’altra,in un’autentica neutralità, sono moltissimi: l’era fascista è stata un contenitore di sventatezze ed errori madornali, posti accanto a eventi di irremovibile utilità per la gente italiana: la bonifica dell’agro pontino, il Palazzo di giustizia a Milano, il ponte Flaminio a Roma,il ponte della libertà a Venezia (già ponte littorio), il ponte della vittoria di Verona,la fondazione di città come Aprilia nel Lazio,sono architetture rimaste solide nel tempo, storiche realtà che hanno il diritto alla menzione, come le svariate forme assistenziali offerte al popolo di allora; tutto ciò che per sanità coscienziale va messo insieme all’ “oro alla patria”, al “libro e moschetto”, alle “leggi razziali”, alle megalomanie del maestro di Predappio, fino alla ferale alleanza con Adolf Hitler.

Ma il fascismo è al giorno d’oggi,una grande risorsa per coloro che spesso a corto di creatività e altre doti, ne usufruiscono per i loro affari: i cineasti ne hanno fatto un filone prolifico più che il Western; i programmisti televisivi infarciscono il palinsesto con documentari a rotazione incessante su Mussolini e la sua creatura; e la politica che non avrebbe altri argomenti dei quali corroborarsi se non facesse assiduamente il confronto della sua democrazia profferta contro un “regìme nero”.

Enrico Montesano, notissimo attore poliedrico,cabarettista,(con un glissato trascorso in politica, nel Partito Socialista Italiano – 1975/1991 e nel Partito Democratico della Sinistra – 1991/1996), è stato espulso, cacciato dallo spettacolo di gara danzante “Ballando con le stelle”, per avere indossato in sala prove una maglietta nera con il motto in idioma Latino – coniato da Gabriele D’Annunzio – “Memento Audere Semper”, che connotava la flottiglia d’assalto della marina militare italiana negli anni del potere littorio (in sigla X MAS, la stessa con la quale si indica il S. Natale). La Rai ha prontamente accolto la denuncia dell’illecito abbigliamento di Enrico Montesano fatta da un personaggio infestante le orecchie quanto a insipienza, impertinenza e arroganza, Selvaggia Lucarelli, la quale svolge il ruolo di giudice a “Ballando con le stelle”,col compiacimento di Milly Carlucci, Ballandi production e il direttore LGBT di Rai 1 Stefano Coletta.

Questo articolo si basa e fustiga una morale senza bussola! Se fa scandalo una maglia che può ledere la memoria dei morti, non c’è alcun conto di rispetto per coloro che,da vivi, possono ricevere molestia per le maligne proposte persuasive, ammannite a ritenuti zombi dall’ente televisivo di Stato (glorificato da labbra in conflitto d’interessi come quelle della conduttrice e direttrice artistica Milly Carlucci); molestie da cosa? Dai continui ossessivi messaggi sui nuovi orizzonti della sessualità,per esempio!

La sensibilità che non sia solo speciosa può essere scossa anche da ciò a cui si DEVE rispetto ma NON visione e condivisione!

Un parametro interessante inoltre è questo: perché il “sentimento popolare” dovrebbe rivoltarsi all’ostensione di insegne “che rimembrano un passato” e restare impassibili invece dinanzi a un vessillo dell’ ANPI? Il partigianato paramilitare operante in tutta Italia dal 1943 al 1945 commise, in venti mesi, atrocità e crudeltà, nefandezze verso innocenti, stupri di gruppo, torture, uccisioni collettive impietose; disumanità e crimini, dall’opposta parte ma uguali a quelli abbinati ai fascisti!

Dov’è dunque, la giustezza nello sdegno per uno e addirittura l’encomio per un altro? Forse per la risonante vastità (materiale e mediatica)? Non è assassino anche chi uccide un solo uomo?

La risposta la so ma la lascio realizzare a chi legge.

M.A.S.

8 risposte a "LA CACCIATA DAL BORDELLO"

  1. Ma certo che è assassino anche chi uccide un solo uomo.
    Trovo esecrabile anche che si umili una persona.
    Avevo perso il tuo post, non so perché. Sarà che a volte mi si intasa la casella. Oggi ho fatto un po’ di ordine.
    Detesto Ballando con le stelle, la Carlucci credo non abbia altro da offrire. Quanto poi a Selvaggia Lucarelli, sempre pronta a puntare il dito contro agli altri, senza mai rimettersi in discussione. Sarà anche una bella donna, ma mi danno molto fastidio i suoi modi.
    Mi domando poi, francamente, a quale titolo possa fare parte di una giuria dove si giudicano i balli, non altro o almeno quelli si dovrebbero giudicare.

    Piace a 1 persona

  2. Che polverone mediatico sul nulla, tanto per far pubblicità a Ballando con le stelle, come non bastasse che ce lo propongono in tutte le salse in ogni altra trasmissione. Non capiscono che la gente è stanca di sentire sempre insulsaggini su questa trasmissione, figuriamoci io che, Ballando con le stelle non lo seguo e cambio canale. Mettono avanti le sciocchezze per distrarci dal vero disastro economico e sociale che sta strozzando l’Italia e noi con lei. Buon pomeriggio Mario Angelo, Grazia.😘☺☺

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...