FILANTROPI ?!

Il mondo umano è costruito – per lo più – da falsi santi e veri imbroglioni. I falsi santi sono sostenuti da sottospecie che parassitano la santità,cooperando e propagandando gli pseudo meriti di quelli, e da autentici disadattati mentali i quali credono nella ipocrita bontà che in realtà nasconde opportunismo, bieco affarismo, lercio tornaconto e collusione con il male (questi “credenti” avvertiranno come sacrilegio e bestemmia, le valutazioni negative che a ragion veduta sono concepite ed espresse). Le ONG ovvero Organizzazioni Non Governative (ma che col Governo hanno molto da spartire), palesano una superficie di solidarietà ed aiuto umanitario non remunerato (onlus, come si affrettano a specificare) ma che nella pratica amministrativa sono economicamente più attive di una comune azienda produttiva, attraverso multi richieste di sovvenzioni, dirette e non, come i proventi dalle quote di imposta sui redditi di soggetti Irpef 8 x 1000, 5 x 1000, donazioni etc. Di fatto, si parla dell’ordine di miliardi. Il sistema ” dammi soldi perché io possa dare soldi” prevede sempre un “utile recondito”! Dunque, dove sta la filantropia abbinata a tanti nomi e personaggi? Dov’è la “santità”, laica o religiosa nelle azioni che portano tanto denaro in casse riservate del loro venale contenuto ma esplosivamente, altrettanto intuibile e certificabile? Direbbe il Principe De Curtis “Ma mi faccia il piacere”! Assodare la verità è un piccone sgradevole e distruttivo le illusioni, ma val più di una cazzuola che cementi soltanto il marciume e la menzogna! Possiamo anche essere indolenti e non curarci di ciò ed altro, ma è questa la società dove sgraniamo la vita e una vita tra equivoci,disonestà,imposture e merdosità, è un affronto per la coscienza! E non è un bel vivere – nel senso collettivo.

(Nell’immagine: dipinto di René Magritte)

2 risposte a ""


  1. . . . A sickness known as hate. Not a virus, not a microbe, not a germ—but a sickness nonetheless, highly contagious, deadly in its effects. Don’t look for it in the Twilight Zone—look for it in a mirror. Look for it before the light goes out altogether.

    ~ Rod Serling

    . . . Una malattia conosciuta come odio. Non un virus, non un microbo, non un germe, ma comunque una malattia, altamente contagiosa, mortale nei suoi effetti. Non cercarlo nella Twilight Zone, cercalo in uno specchio. Cercalo prima che la luce si spenga del tutto.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...